mercoledì 14 dicembre 2011

Il celebre pittore Robert Campin e la sua arte fiamminga


La straordinaria arte con la pittura Fiamminga.
Quando si parla di storia della pittura non possiamo non accennare anche alla meravigliosa e importante pittura fiamminga chiamata così per via dell'area geografica in cui nasce e si sviluppa questa nuova pittura agli inizi del secolo Quattrocento. Quest'area è quella delle Fiandre, una zona del Nord dell'Europa che grazie al talento artistico di alcuni maestri dell'epoca la resero celebre e molto imitata da altri grandi artisti italiani e stranieri. Il pittore fiammingo Robert Campin insieme a Jan Van Eyck vengono considerati tra i padri fondatori, i pionieri della pittura fiamminga. Questi pittori con il loro realismo, la ricerca di una giusta spazialità e la disposizione del chiaroscuro e degli effetti di luce nelle loro opere si allontanarono dall'arte e dalla pittura classica dell'epoca, cioè una pittura idealizzata nel periodo del Tardo-Gotico usata sino ad allora. Sopra vedete La bellissima opera Madonna del parafuoco di Robert Campin del 1430 circa. Trovate l'articolo su quest'opera nella pagina in alto Tecniche, linguaggi e opere.
Non si hanno testimonianze certe sulle origini e la data di nascita del pittore Robert Campin, si pensa intorno all'anno 1378-1379, mentre la morte è avvenuta nel 1444 nei pressi della cittadina di Tournai, dove visse e fece molte esperienze artistiche. L'artista viene identificato dagli esperti di arte anche come l'artista denominato Il Maestro di Flémalle, un artista attivo nelle Fiandre nei primi decenni del XV Secolo, per via di molte opere non datate e senza firma che vengono associate allo stile e alla mano del campin. Di lui si hanno notizie nella città belga di Tournai, un importante centro commerciale e artigianale, dove apre una scuola di pittura, che col tempo sarebbe diventata un importante punto per tanti artisti talentuosi. In questa scuola, frequentarono come allievi, pittori del calibro di Jacques Daret e Rogier Van Der Weyden. Quest'ultimo, dopo aver frequentato la scuola per un periodo come allievo, divenne nel 1427 “apprendista” con tanto di qualifica. Uscì dalla scuola di Campin nel 1432 con il titolo ufficiale di Maestro e, tutti noi conosciamo il grande valore dalle stupende opere che Van Der Weyden seppe realizzare in seguito.
Il pittore Robert Campin parallelamente al Van Eyck, studio e ricercò qualcosa di nuovo per la sua arte, prendendo vari spunti iniziali sia dall'arte Mosano-renana che dall'arte e dalle conquiste effettuate dallo stile Gotico internazionale sviluppato da artisti e pittori della Corte di Borgogna, alla cui apparteneva la cittadina di Tournai e che in quel periodo era molto attiva in campo artistico ed economico. Campin, sintetizzò e fece propri tutti questi stimoli portati da questi stili, ma volle anche portare delle novità alla concezione che si aveva della pittura “tradizionale”, soprattutto nel senso naturalistico e realistico. Per questo motivo Campin viene anche considerato il padre del realismo fiammingo. L'artista inizia a realizzare dei ritratti di personaggi famosi, dove non si vede più la classica posa solenne e idealizzata del passato, ma una figura più umana, più naturale. Sperimenterà ed userà delle pose di tre quarti anziché quelle frontali usate sino ad allora. Facendo questo, Campin inizia anche ad indagare sulla psicologia di chi ha davanti come modello, cercando se è possibile di scavare nel carattere dell'uomo ed esprimerlo nei suoi ritratti. si focalizzò anche sui “trittici” (opere divise su tre sezioni che possono essere anche richiudibili), che sono forse le opere più importanti di Campin. Queste opere gli vengono commissionati da importanti e ricche personalità per un uso quasi sempre privato o di devozione religiosa. Sotto potete vedere uno dei trittici più celebri di Campin, intitolato il Trittico di Mérode, realizzato su tavole in legno con tecnica ad olio e databile al 1427 circa. Quest'opera si può ammirare presso il Metropolitan Museum di New York.



Alcuni trittici sono arrivati purtroppo molto deteriorati ai nostri giorni, ma in alcuni si possono vedere come le ricche iconografie sacre del passato, vengono realizzate e tradotte dal Campin con immagini davvero molto realistiche ed immediate. Si vedono scene con personaggi sacri come le Madonne per esempio, ambientati però in realtà quotidiane, in semplici ambienti domestici come possono essere le case del Nord nell'epoca dell'artista, ricche di particolari e dettagli realistici. I colori corposi (si iniziava in quel periodo a sperimentare la tecnica dei colori ad olio da parte dei pittori fiamminghi) sembrano dare vita e anima agli oggetti raffigurati nelle opere, i tessuti attraverso le giuste luci e il contrasto del chiaroscuro, rendono perfettamente le trame del filato. I capolavori di Campin, sono davvero una ricca fonte di oggetti e dettagli realizzati quasi con una maniacale accuratezza. Questa descrizione così accurata dei particolari, era legata al particolare sentire religioso dell'area dei paesi del Nord. C'era all'epoca un rapporto molto particolare tra Dio e l'uomo, che sembra incoraggiava un'identificazione con le Divinità, in particolare riguardo alla compartecipazione delle sofferenze di Cristo e della sua Passione o, il grande dolore della Vergine Maria per la perdita del Sacro Figlio. Davvero opere meravigliose e ricche di fascino quelle del fiammingo Robert Campin.

Nessun commento: